Una recente sentenza della Cassazione, appellandosi alla legge 283/1962 (che disciplina l'aspetto igenico nella produzione e vendita di prodotti alimentari), ha messo al bando la vendita di frutta e verdura quando questa è esposta fuori dal negozio ed all'aperto.
Argomenti novità
Soggiornare nel Salento!
Il Meteo

JapiMeteoVolete sapere com'è il tempo da noi? Usate il nostro servizio meteo!

Frutta e verdura al bando

Tags/parole chiave: fruttaverduradivietovenditacassazione

Niente frutta e verdura all'aperto!

Frutta e verdura al bando

Una recente sentenza della Cassazione, appellandosi alla legge 283/1962 (che disciplina l'aspetto igenico nella produzione e vendita di prodotti alimentari), ha messo al bando la vendita di frutta e verdura quando questa è esposta fuori dal negozio ed all'aperto.

I commerciati trasgressori, che non rispetteranno la legge, rischiano di essere denunciati penalmente.

Questa particolare vicenda ha avuto origine al Tribunale di Nola (NA), dove un commerciante di Pomigliano d'Arco è stato condannato perché deteneva fuori dal suo esercizio commerciale, quindi all'aperto, tre cassette di verdura; il commerciante condannato, non essendo soddisfatto alla sentenza del Tribunale, per tutelare i propri diritti ha fatto ricorso in Cassazione che, in tutta risposta, ha ritenuto che: "la sola esposizione dei prodotti vegetali all'aperto a contatto con smog e agenti atmosferici potrebbe pregiudicare la qualità del prodotto destinato alla vendita e, pertanto, anche la salute del consumatore".

Una decisione al quanto discutibile visto che i mercati rionali con le bancarelle di frutta e verdura e le cassette con gli ortaggi davanti alla casa del contadino sono da sempre esistite.

Secondo una nota rilasciata da Coldiretti, dalle strade, per tutelare la salute dei cittadini, va eliminato lo smog e non i prodotti ortofrutticoli.

Pronta la protesta delle associazioni di categoria dei commercianti e degli ambulanti che ancora una volta si vedono colpiti e penalizzati.

Questa decisione della cassazione punisce i piccoli imprenditori e favorisce i supermercati i centri commerciali, costringendo alla chiusura dei piccoli negozi di alimentari e dei fruttivendoli dove ancora oggi si sente il profumo del pane appena sfornato, dei salumi e della frutta e degli ortaggi freschi.

Mi chiedo: le coltivazioni del futuro saranno fatte "al chiuso" di un qualche locale con appositi strumenti per il filtraggio di aria ed acqua?


Documento scritto e/o curato da Beatrice
Data pubblicazione: 13/02/2014 (12:09)
Ultimo aggiornamento: 13/02/2014 (12:09)


Condividi questo documento su Facebook...

 

I commenti a questo post

Lascia un commento o leggi quelli scritti dagli altri (1 follow-up).

Società
Il menu del Post:
I più letti! novità
ContattaciPreferitiHome page RSS
Japigia di P.B. Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni e suggerimenti: Contattateci!
Copyright by Japigia.com 2000/2012
Partita IVA 03471380752 - REA CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***
Promuovi la tua azienda GRATIS su Japigia.com