Finalmente, il colpo di scena: lo Spot che pubblicizza il nucleare è stato bloccato dal Giurì dell'Autodisciplina Pubblicitaria perché lo ha ritenuto ingannevole in quanto non comunica al pubblico gli obiettivi prefissati per il quale effettivamente lo spot è stato realizzato.
Argomenti novità
Soggiornare nel Salento!
Il Meteo

JapiMeteoVolete sapere com'è il tempo da noi? Usate il nostro servizio meteo!

Spot ingannevoli

Tags/parole chiave: spot pubblicitaripubblicità ingannevolegiurìnucleare

Eppur qualcuno lo ha compreso

nucleare sotto scaccoPartiamo dalle conclusioni di un altro articolo, già pubblicato, in passato, in questo blog “Non ci sono motivazioni plausibili per scegliere di costruire una centrale nucleare, preferendola a sistemi alternativi di produzione di energia (le pale eoliche, ad esempio). Né è possibile credere a coloro che argomentano contro le centrali eoliche asserendo che deturpano l'ambiente con la loro presenza: personalmente preferisco uno skyline deturpato da una pala eolica che la presenza ingombrante ed inquietante di una centrale termonucleare!”

Ed abbiamo -anche- parlato in merito all'argomento “Ritorno al Nucleare” e della poca voglia degli Italiani di tornaci, e del desiderio che la volontà popolare espressa nel referendum popolare che si tenne sul finire degli anni 80.

Sono fermamente convinta che si tratta di tecnologie pericolose con un enorme impatto ambientale sia nel medio periodo (pericolo di fuoriuscite di sostanze radioattive) che nel lungo (stoccaggio delle scorie).

Ma ora ecco, di nuovo, alla ribalta l'argomento “Nucleare”; e per sdoganarlo dalla paura, che cosa si inventano i facoltosi interessati? Una costosissima e martellante campagna pubblicitaria su TV, radio, giornali e Internet. Ovunque ci è stato propinato, tramite lo spot pubblicitario, che il nucleare è il futuro, che si tratta di una tecnologia sicura, che le scorie sono meno del cavallo degli scacchi a testa e bla, bla, bla.

Ma, proprio ieri, finalmente, il colpo di scena; con grande soddisfazione apprendo che lo Spot che pubblicizza il nucleare è stato bloccato dal Giurì dell’Autodisciplina Pubblicitaria perché lo ha ritenuto ingannevole in quanto non comunica al pubblico gli obiettivi prefissati per il quale effettivamente lo spot è stato realizzato.

Ovvero lo spot realizzato,  per chi non lo avesse compreso, -personalmente, io ci ho messo alcuni giorni- pubblicizza un forum di discussione sull'argomento “nucleare si - nucleare no”.

Effettivamente chi guarda lo spot, ribadisco commissionato da Aziende che hanno interessi proprio nell'energia nucleare, viene data informazione che il futuro energetico sta proprio nell'energia nucleare, infischiandosene -sostanzialmente- dei problemi che possono insorgere dalle fuoriuscite di sostanze pericolose allo stoccaggio delle scorie.

Lo spot, molto intelligente, è stato incentrato su una partita a scacchi, un gioco di strategia a due, dove uno perde e l'altro vince in base alle mosse che si fanno; in questa ipotetica partita, il bianco, da sempre colore del bene e della luce, è stato attribuito a chi è a favore del nucleare ed il nero, colore del male e del buio delle tenebre, agli oppositori e anche l'ultima parola, se si fa caso, viene data proprio a chi è a favore trasformandolo così in uno spot di propaganda a favore del nucleare.

Mi chiedo: ma questo spot era proprio necessario? L'Italia si è espressa da tempo e non vuole il nucleare, abbiamo energia a sufficienza: la Puglia, in particolare, esporta energia. Il Salento, visto dall'alto, ormai è diventato uno specchio, per la quantità di pannelli solari installati e l'area del nord della nostra provincia ha abbastanza pale eoliche da alimentare anche le regioni vicine.

A che serve impiantare nuovi reattori tanto richiosi? O, meglio, a chi serve e giova ciò? E la decisione di bloccare lo spot è arrivata al momento giusto? Fortunatamente (lo spero proprio!) non tutti si fanno condizionare dalla pubblicità e, visto che la maggior parte delle persone approfitta proprio della pubblicità per fare zapping (o andare in bagno...) è anche probabile che non abbia avuto l'attenzione sperata.


Documento scritto e/o curato da Beatrice
Data pubblicazione: 24/02/2011 (11:03)
Ultimo aggiornamento: 24/02/2011 (12:53)


Condividi questo documento su Facebook...

 

I commenti a questo post

Lascia un commento o leggi quelli scritti dagli altri .

Società
Il menu del Post:
I più letti! novità
ContattaciPreferitiHome page RSS
Japigia di P.B. Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni e suggerimenti: Contattateci!
Copyright by Japigia.com 2000/2012
Partita IVA 03471380752 - REA CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***
CopiaSalento: il FotoBook di Japigia