Argomenti novità
Soggiornare nel Salento!
Il Meteo

JapiMeteoVolete sapere com'è il tempo da noi? Usate il nostro servizio meteo!

Corsi e ricorsi storici

Tags/parole chiave: internetcesare vaniniastorelibrigiornali

La Storia

Quando si è giovani si studia a scuola la storia. Purtroppo, l'approccio scolastico a questa materia impedisce alle giovani menti di comprenderne il significato: la Storia, quella con la S maiuscola, è maestra di vita e di saggezza.

La Storia si ripete, perpetua se stessa in altri momenti; epoche e vicende, la cui replica sembra quasi impossibile, si ripetono dimostrando che il genere umano non riesce a sortire dai propri limiti.

Il libro: la libertà

Un tempo fu il libro o il manoscritto il simbolo della conoscenza e, con essa, della libertà. La conoscenza ha permesso il riscatto del genere umano dai soprusi, dalle angherie. Ha dato forza, ha provocato ribellioni.

Il libro, in quanto conoscenza, è stato per secoli oggetto di censura e di ritorsioni.

I libri erano accuratamente vagliati, prima di essere pubblicati e, in caso di censura, gravi erano anche le conseguenze nei confronti dei loro autori: il miglior censore per entrambi è stato, per secoli, il fuoco!

Libri e relativi autori venivano bruciati, in modo che servissero da monito per tutti coloro che avevano l'ardire di ribellarsi al potere, di dire la loro, di parlare delle cose che andavano male o che non piacevano.

In un normale processo storico, però, la ribellione al potere ha, da sempre, creato martiri ed eroi: era necessario che il popolo guardasse autori e libri carbonizzati con maggior terrore, che li evitasse anche se una copia fosse sfuggita al fuoco purificatore. Ed ecco che il potere trova un valido alleato: il diavolo!

E' il diavolo che ha guidato la mano degli eretici, che li ha spinti a ribellarsi! Sono gli influssi del maligno che hanno spinto quelle persone a commettere atti di ferocia incredibile di cui è impossibile trovare le prove grazie alla grande astuzia della creatura degli inferi!

Incenerire gli autori e distruggere i loro scritti diventa una sacra missione per impedire al popolo di perdersi! Due esempi vicini a noi di questa epurazione: Francesco Antonio Astore, da Casarano e Giulio Cesare Vanini da Taurisano.

La storia si ripete

Sembra impossibile, ma è vero: la storia si ripete.

Ma oggi non legge più nessuno, i libri non si vendono e l'editoria, quella tradizionale, è in crisi. Inoltre la carta non si distrugge ma si ricicla. Quindi libri e giornali, oggi, sarebbe un peccato bruciarli: al massimo si dovrebbero riciclare...

Ma qui non si parla dei libri! Qui si parla di Internet! Internet è scomoda. Internet da modo alla gente comune di scrivere le proprie idee, di rimanere anonima e, soprattutto, di farle leggere ad un gran numero di persone!

E' questa la libertà, signori! Una libertà incredibile, impensabile sino a qualche anno fa.

Pensate: persino negli anni '80 per avere notizia di un qualche evento bisognava sperare che ne parlassero i giornali o la televisione. Addirittura, si soleva dire che, se non eri sui giornali o in TV, non esistevi neppure! Oggi giornali e televisione arrancano: le notizie, il navigatore, le cerca in rete, le trova, le fagocita, le confronta.

Non abbiamo più bisogno di giornalisti, di speaker TV, di redazioni. Foto e notizie sono già on line pochi minuti dopo l'accaduto, basta saperle cercare. La televisione ed i giornali, il vero oppio dei popoli, sono stati miseramente sconfitti dalla moderna rivincita di Gutemberg!

Ed ecco che, in questo panorama disperato, torna il diavolo in aiuto del potere. Ma, si sa, il maligno assume forme diverse, inganna i semplici: non è più quello con le corna e che puzza di zolfo. Il diavolo moderno si chiama terrorismo, pedopornografia, dipendenza da Internet e peer to peer!

Data pubblicazione: 29/04/2007 (16:40)
Ultimo aggiornamento: 03/05/2007 (13:29)


Condividi questo documento su Facebook...

 

I commenti a questo post

Lascia un commento o leggi quelli scritti dagli altri .

Società
Il menu del Post:
I più letti! novità
ContattaciPreferitiHome page RSS
Japigia di P.B. Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni e suggerimenti: Contattateci!
Copyright by Japigia.com 2000/2012
Partita IVA 03471380752 - REA CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***
Personaggi salentini su japigia.com