24 nuove concessioni e tanti permessi per nuove trivellazione che interesserebbero il Mare Adriatico, lo Ionio ed il Mare di Sicilia per una superficie di ben 11.000 kmq.
Argomenti novità
Soggiornare nel Salento!
Il Meteo

JapiMeteoVolete sapere com'è il tempo da noi? Usate il nostro servizio meteo!

Petrolio nel Mediterraneo

Tags/parole chiave: petroliopozziidrocarburitrivellazionemediterraneomare ionioadriatico

Perchè distruggere il nostro paradiso?

piattaforma petroliferaIl presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, sospende le esplorazioni previste al largo dell'Alaska nei mari di Chikchi e di Beaufort ed ha cancellato il rilascio di concessioni al largo della Virginia e il rilascio previsto in agosto di una concessione per l'esplorazione nel Golfo del Messico occidentale: «Ero sicuro che le compagnie petrolifere e coloro che operano in questo settore fossero in grado di poter gestire lo scenario peggiore - ha detto ancora il presidente durante la conferenza stampa - ora purtroppo sappiamo che non è vero. Gli incidenti possono capitare, ma non è ammissibile pensare che possano passare dei mesi prima di arrivare a una soluzione. Forse due o tre giorni, ma mesi! Fino a quando non avrò garanzie adeguate non andremo avanti». Articolo Ilsole24ore

Mentre oltre oceano accade tutto questo,l'Italia che fa?

Sono di questi giorni le notizie in cui le Associazioni ambientaliste, Legambiente e Greenpeace in testa, denunciano 24 nuove concessioni e tanti permessi per nuove trivellazione nel nostro mare.

Questi argomenti (trivellazioni e petrolio) ci riportano subito alla mente la catastrofe ambientale che ha interessato il Golfo del Messico e la famosa “macchia nera” che ha visto protagonista la British Petroleum (BP per gli amici...), che -dopo oltre due mesi dall'incidente e dopo innumerevoli tentativi- non è riuscita ad arginare il problema e a risolvere e fronteggiare il danno provocato al mondo.

Secondo il rapporto di Legambiente molte società hanno avanzato la richiesta di effettuare delle ricerche e, in alcuni casi, sono stati concessi i permessi nonostante si trattasse di aree di elevato pregio ambientale, da tenere in considerazione e proteggere.

Si tratta di 24 concessioni che interesserebbero il Mare Adriatico, lo Ionio ed il Mare di Sicilia per una superficie di ben 11.000 kmq.

I luoghi scelti per la ricerca dell'oro nero sono la costa tra le Marche e l’Abruzzo con tre concessioni, la costa pugliese tra Bari e Brindisi con due permessi di ricerca, il golfo di Taranto e il canale di Sicilia con dodici concessioni; proprio l'ultima concessione è stata data pochi giorni fa e interessa proprio il nostro mare.

Secondo quanto pubblicato dall'ANSA in un'intervista a Alessandro Gianni, direttore delle Campagne di Greenpeace che spiega il motivo di questo incremento di richieste: «Sappiamo tutti perché proprio in Italia c'é questo interesse per le trivellazioni offshore: le royalties da pagare allo Stato sono del 4 per cento e non del 30-50 per cento come per altri Paesi - spiega Alessandro Gianni, direttore delle Campagne di Greenpeace. - Inoltre, non si paga alcuna imposta per i primi 300.000 barili di petrolio all'anno: oltre 800 barili (o 50.000 litri) di petrolio gratis al giorno!''. ''Le attività esplorative sono effettuate o richieste da imprese ben note, come ENI, EDISON e SHELL, ma anche - sottolinea Gianni - da imprese minuscole, anche con soli 10.000 euro di capitale sociale: in caso di incidente non potrebbero noleggiare nessun mezzo idoneo a raccogliere il petrolio».


Documento scritto e/o curato da Beatrice
Data pubblicazione: 29/06/2010 (10:11)
Ultimo aggiornamento: 22/11/2017 (15:46)


Condividi questo documento su Facebook...

 

I commenti a questo post

Lascia un commento o leggi quelli scritti dagli altri .

Ambiente
Il menu del Post:
I più letti! novità
ContattaciPreferitiHome page RSS
Japigia di P.B. Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni e suggerimenti: Contattateci!
Copyright by Japigia.com 2000/2012
Partita IVA 03471380752 - REA CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***
Agriturismo Salento: il sito delle vacanze!