Dal 1 gennaio 2012, ogni immobile deve indicare la classe energetica in ogni annuncio pubblicato in qualsiasi forma, dalla carta stampata ad internet.
Argomenti novità
Soggiornare nel Salento!
Il Meteo

JapiMeteoVolete sapere com'è il tempo da noi? Usate il nostro servizio meteo!

Certificato energetico

Tags/parole chiave: certificato energeticoclasse energeticaannunciimmobilicompravenditaaffittosanzioni

Per non rischiare sanzioni amministrative

Certificato energetico

Tra le tante novità che ci offre il 2012 ce n'è una che concerne gli immobili: dal 1 gennaio 2012, infatti, ogni immobile deve essere “provvisto” del certificato energetico e in qualsiasi contratto che lo riguarda, sia di vendita che di locazione, deve essere indicata, in base a dei parametri predefiniti, da A+ (la migliore) a G (la peggiore), la categoria energetica di appartenenza.

Ma andiamo per ordine. Il certificato energetico è un documento, rilasciato da professionisti del settore iscritti all'albo nazionale dei certificatori energetici, che attesta il consumo di energia necessaria per riscaldare o raffreddare un'abitazione, in base alla tipologia di costruzione, riscaldamento/raffreddamento ed isolamento.

Nel certificato sono riportate, in modo sintetico, otto classi che vanno dalla lettera "A+", considerata la migliore per rendimento energetico, alla "G" la peggiore per rendimento, facendo riferimento ai consumi e l'IPE ossia l'indice di prestazione energetica.

Questo certificato è obbligatorio ed è fondamentale in fase di compravendita o di affitti superiori ai 30 giorni; inoltre, dal 1 gennaio 2012, la classe energetica deve essere presente in ogni annuncio immobiliare pubblicato in qualsiasi forma, dalla carta stampata ad internet.

Se la classe energetica non viene indicata, l'inserzionista è soggetto ad una pesante multa, da parte del comune in cui è sito l'immobile, che va da 1.000 a 5.000 euro.

Dalla certificazione sono esclusi i terreni e gli immobili privi di impianto termico o condizionamento: in tal caso, negli annunci, va indicato che l'immobile è privo di riscaldamento/condizionamento pertanto “non classificabile: struttura esente dall'obbligo di certificazione”.

Il certificato ha una validità di 10 anni ma ogni volta che si verificano delle variazioni nel rendimento e nei consumi si ha l'obbligo di aggiornarlo.


Documento scritto e/o curato da Beatrice
Data pubblicazione: 03/01/2012 (14:03)
Ultimo aggiornamento: 03/01/2012 (14:26)


Condividi questo documento su Facebook...

 

I commenti a questo post

Lascia un commento o leggi quelli scritti dagli altri .

Ambiente
Il menu del Post:
I più letti! novità
ContattaciPreferitiHome page RSS
Japigia di P.B. Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni e suggerimenti: Contattateci!
Copyright by Japigia.com 2000/2012
Partita IVA 03471380752 - REA CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***
Annunci GRATIS per tutti su Japigia.com