Argomenti novità

OpenOffice e Slackware 11

Tags/parole chiave: open officeslackware 11autobuilderestensione docxdocxxml

Aggiornare una distribuzione ormai datata

...con software fresco!

open office e slackware 11

Cominciano a circolare documenti con estensione .DOCX. La X alla fine indica il nuovo formato basato su XML della suite per ufficio del mondo del software proprietario. In verità, nessuno ne sentiva il bisogno: un nuovo formato non fa altro che creare confusione agli utenti meno esperti, oltre che creare incompatibilità tra programmi e formati già esistenti. Se proprio si desiderava aderire ad un formato aperto, il mondo del software a pagamento avrebbe potuto adottare quello di Open Office: purtroppo non è stato così.

Ed ecco che oggi mi arriva un messaggio contenente un file DOCX che il mio Open Office 2.4 non supporta. La soluzione è quella di aggiornare la mia suite di produttività alla nuova versione: la fiammante Open Office 3.0.1!

Ma... Funzionerà?

open office su slackware 11

La prima domanda è: funzionerà sulla mia Slackware 11.0 ormai vecchiotta? E, soprattutto, sarà veloce come la precedente per il mio vecchio Duron 1000 di quasi 10 anni fa?

Beh, lo scopriremo solo vivendo... ooops! Installando la nuova versione.

Per scoprire un file aggiornato di installazione mi sono rivolto ad uno dei portali Italiani dedicati a Slackware e -certamente- uno dei più forniti: slacky.eu.

La versione più nuova proposta dal portale è -appunto- la 3.0.1 proposta nel repository della nuova Slackware 12.2. Il file è piccolissimo ed è un autobuilder della versione: solo 8.000 bytes! Basta scaricarlo e lanciare l'installazione: eseguiamo queste operazioni direttamente da console e come amministratori (root) del sistema:

$ mkdir openoffice_3.0.1
$ cd openoffice_3.0.1/
$ wget http://repository.slacky.eu/..autobuilder-...-.tgz
$ su -

Dopo il download dell'autobuilder, rimuoviamo -prima della sua installazione- la vecchia versione di Open Office e, immediatamente dopo installiamo il pacchettino testé scaricato (i comandi sono stati abbreviati per esigenze di layout):

# removepkg openoffice-it-2.4.1-i586-4sl
# installpkg openoffice-...-multilang-3.0.1-i586-12sm.tgz

L'installazione dell'autobuilder è rapidissima e lancia il programma che provvede a scaricare da Internet tutto il necessario per creare un pacchetto di installazione completo (e riutilizzabile) di Open Office; le uniche scelte da fare sono quella di indicare la lingua (tra le 96 a disposizione) in cui si desidera creare la propria versione e di specificare il mirror da cui effettuare il download: scegliamo 40, che corrisponde all'Italiano e il primo mirror proposto (quello del GARR).

A questo punto, viene avviato il download e la compilazione del pacchetto di installazione. L'operazione può durare anche parecchio, visto che sono oltre 150 mega da scaricare più la creazione dei pacchetti di installazione per la Slackware. Al termine, avremo Open Office installato sul sistema e sarà possibile rimuovere il pacchettino dell'autobuilder che precedentemente installato:

# removepkg openoffice-...-3.0.1-i586-12sm.tgz

Conserviamo l'installazione

La procedura indicata crea i file di instalallazione e non li rimuove al termine della procedura. I files sono depositati nella cartella temporanea al seguente percorso

# ls /tmp/tgz/ grep openoffice
openoffice-it-3.0.1-i586-12sl.tgz
openoffice-it-3.0.1-i586-12sl.tgz.md5
openoffice-it-3.0.1-i586-12sl.txt

Copiamo in una cartella di nostro piacere questi file e conserviamoli per installazioni future; a questo punto possiamo anche ripulire la cartella temporanea per risparmiare spazio sul nostro sistema.

Per vedere se tutto funziona, lanciamo da console Open Office (il word processor) mediante il comando seguente (come utenti, mi raccomando):

$ soffice -write

o, anche, il foglio di calcolo:

$ soffice -calc

Prime impressioni

Le paure di lentezza del nuovo programma sul mio vecchio hardware sono fugate al primo avvio della suite da ufficio del mondo libero: la nuova versione è addirittura più veloce della precedente!

Non solo è più veloce, ma è compatibile con i nuovi -inutili- formati del mondo del software a pagamento, anche sul mio vetusto PC!


Documento scritto e/o curato da Franco
Data pubblicazione: 22/04/2009 (10:18)
Ultimo aggiornamento: 22/04/2009 (11:55)


Condividi questo documento su Facebook...

 

I commenti a questo post

Lascia un commento o leggi quelli scritti dagli altri .

Linux
Il menu del Post:
usate firefox: il migliore
I pi¨ letti! novità
ContattaciPreferitiHome page RSS
Japigia di P.B. Arcano, Casarano (Lecce)
Realizzazione siti Internet, Portali, Grafica computerizzata.
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Per informazioni e suggerimenti: Contattateci!
Copyright by Japigia.com 2000/2012
Partita IVA 03471380752 - REA CCIAA Le/224124
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***